Disordini mentali. Tutti questi rischi, uniti alla difficolt di adattamento all’ambiente microgravitario, agli intensi ritmi di lavoro e alla distruzione dei ritmi circadiani possono creare negli equipaggio stress, sbalzi d’umore e disordini mentali. Gli astronauti sono reclutati anche in virt del loro equilibrio e della capacit di resistere allo stress psicologico; finora, nessuno sulla ISS ha riportato problemi psichici seri, anche se in molti hanno registrato disturbi d’ansia o depressivi.

Non è un problema bussare alle porte, a meno che scopriate che ce ne sono molte senza serrature e senza nessuno che possa impedire ai delinquenti di scassinarle. Nel mondo dell delle Cose queste porte sono rappresentate da router non protetti, telecamere IP e altro che utilizzi credenziali d predefinite. Se riuscite ad accedere alla loro interfaccia web e a scoprire login e/o password, ne avrete il completo accesso.

Non solo era una cifra spropositata (che per avrebbe fruttato: nella sua prima fase Liverpool Rush realizz 139 reti in 224 partite), ma era addirittura il record per l di un Under 20: “E pensare che non avevo affatto iniziato bene. Anzi: mi trovai cos male i primi giorni che una mattina, agitato e preoccupato, prima chiamai a casa e poi andai dal presidente chiedendo di essere ceduto”. Per fortuna sua nulla si concretizz Nel 1981 vinse la Coppa dei Campioni.

Si racconta che proprio per imitare Dakota, oggi 24enne, Elle ha dimostrato fin da piccolissima un forte volont di intraprendere la carriera da attrice. Nel 2003 arriva il primo film con un ruolo tutto suo, L dei pap ma Sofia Coppola a consacrarla astro nascente di Hollywood nel 2010 con Somewhere, Leone d al Festival di Venezia. Da l nasce anche una bella amicizia con la regista che la vuole di nuovo nel 2017 in L insieme a Nicole Kidman e Kristen Dunst.

Il tema non era facile, ma i designer coinvolti nel progetto di Ghigos Ideas, (1:13) Le tredici sedie mai dipinte nell’Ultima cena di Leonardo, non si sono tirati indietro. Con Vangeli e agiografie in una mano, e matita nell’altra, hanno progettato le sedie che delineano simbolicamente le personalità e le storie di Gesù e dei suoi dodici apostoli. Le interpretazioni hanno espresso in alcuni casi una rilettura di quanto contenuto nelle Scritture (Alberto Biagetti, Ghigos Ideas, Alessandro Marelli, Elena Salmistraro, Sovrappensiero, Filippo Zambelli), in altri la tradizione iconografica (PG Bonsignore, CTRLZAK, Brian Sironi), in altri ancora, l’incrocio fra considerazioni legate alla tradizione religiosa e l’essenza stessa del design (Lorenzo Damiani, Alessandro Guerriero, Gumdesign, JVLT)..